• Novità
  • /
  • News
  • /
  • Le scarpe nella tendinopatia achillea, come sceglierle?
Le scarpe nella tendinopatia achillea, come sceglierle?.
20 Ottobre 2020

Le scarpe nella tendinopatia achillea, come sceglierle?

La corsa è sicuramente l’attività sportiva più popolare, praticata sia a livello ricreativo che agonistico.

Dato l’alto numero di persone che svolge questa attività, i produttori di attrezzatura sportiva hanno investito le migliori tecnologie nello sviluppo di scarpe che possano migliorare la performance o ridurre l’incidenza degli infortuni legati alla corsa.

Per questo motivo le calzature da running sul mercato sono numerose: da quelle ammortizzanti a quelle anti-pronazione, dalle stabilizzanti a quelle minimaliste.

Uno degli elementi che distingue i diversi tipi di scarpe è il drop, ovvero la differenza nello spessore della suola sotto il tacco e sotto la punta. Le scarpe più tradizionali hanno un drop di circa 12-15mm, mentre in quelle minimaliste è compreso tra 0 e 9mm.

Queste ultime sono state introdotte anche con l’idea di ridurre gli infortuni legati alla corsa poiché permettono di correre in un modo più naturale, simile alla corsa a piedi nudi, grazie al peso, al drop minimo e alla riduzione di ammortizzamento.

 

 

Ma le scarpe minimaliste possono realmente ridurre il rischio di una tendinopatia achillea?

Il primo effetto delle calzature minimaliste è quello di modificare lo stile di corsa.

Le scarpe ammortizzate tendono a far appoggiare prima il tallone (Hell strike), mentre le minimaliste rendendo l’impatto del tallone violento tendono a far si che il contatto al suolo sia di tutta pianta (Midfoot strioke) o avampiede (Forefoot strike)

In questo modo la lunghezza della falcata viene accorciata e se si mantiene la stessa velocità abbiamo un aumento della cadenza.

Questo richiede maggior lavoro (fino al 30% in più) da parte della caviglia sia in fase di propulsione che di ammortizzamento del passo, il che significa una maggior richiesta di forza da parte del tricipite surale e quindi un aumentata capacità di carico da parte del tendine d’Achille.

 

 

Si pensa che questo incremento di carico al tendine d’Achille possa aumentare il rischio di sviluppare una tendinopatia

I risultati degli studi che indagano gli infortuni in rapporto alle calzature utilizzate non sono così chiari. I podisti che sono passati alle scarpe minimaliste lamentano più frequentemente dolore al polpaccio, rispetto a chi utilizza scarpe tradizionali; questa differenza però non è tale da limitare gli allenamenti, né tanto meno da causare la tendinopatia.

Il tasso di infortuni misurato in chi utilizza scarpe minimaliste èspesso uguale a chi usa scarpe tradizionali.

Altri due fattori vanno a influire sul numero di infortuni registrati: il peso corporeo e i km percorsi in allenamento.

I dati suggeriscono che le scarpe tradizionali siano preferibili per podisti più allenati (più di 35km alla settimana) o più pesanti (più di 85kg), mentre quelle minimaliste possano essere più adatte a corridori occasionali o più leggeri.

Le scarpe con drop basso possono aumentare il carico a cui è sottoposto il tendine d’Achille, ma sono altri i fattori importanti (come ad esempio il carico di allenamento, il recupero delle sessioni o la forza muscolare) nel determinare il rischio di sviluppo o meno della tendinopatia achillea.

Pertanto, in assenza di un problema specifico, il consiglio è quello di scegliere la scarpa più confortevole. Questo perché il corpo umano è molto adattabile, e può abituarsi a diversi tipi di scarpe, soprattutto se il loro utilizzo è graduale .

Invece, nel caso in cui la tendinopatia achillea sia presente, l’utilizzo di scarpe tradizionali o di un rialzo sotto il tacco può essere una strategia utile per ridurre il carico ed il dolore del tendine.

Quando si cambia la calzatura è importante adottare un approccio di allenamento graduale e soprattutto è da evitare la modifica della calzatura nel periodo in vicinanza dell’impegno agonistico.

Mal di schiena?
Nel mese di febbraio richiedi una valutazione gratuita al Kinè!

Sarai ricontattato da un nostro esperto per fissare un appuntamento presso la sede Kinè di Treviso per avere una valutazione gratuita.

Lasciaci un tuo recapito e verrai ricontattato a breve.